Incontri con donne a padova donne divorziate felice

Allapparenza poteva sembrare una storia di ordinaria corruzione, se non fosse che limprenditore della sanità coinvolto nellinchiesta, ling. Il mafioso ed anche gli imprenditori del «sistema» avranno lunica cosa che interessa loro, cioè i soldi, naturalmente pubblici. Prima della magistratura, la politica dovrebbe avere occhi, orecchie, dovrebbe ascoltare ogni sussulto, ogni sospiro. Ancor più forte la nostalgia di Marcello Veneziani, per una destra che per anni si è vantata della sua diversità, che propugnava lalternativa al sistema e ripeteva con Almirante che dalle tasche di Mussolini appeso in piazzale Loreto non è caduto un soldo. Con Cosa Nostra in occasione del golpe Borghese; con la ndrangheta durante e dopo la rivolta di Reggio; con entrambe durante la trattativa del 1992-93. Vi siete chiesti come sia stata possibile una tale idiozia? La domanda è: ma come fanno personaggi che definiremmo dalla storia ambigua, come Salvatore Buzzi e Massimo Carminati, a diventare artefici, attori, protagonisti di vicende che assumono connotazioni grottesche?

In questi giorni il mantra è: colpevole è non solo chi è consapevole, ma anche chi non vuole vedere. Sarebbe lungo lelenco delle storie che si potrebbero ricordare. In altri Paesi europei esiste la corruzione, ma la corruzione non arriva a compromettere listituzione stessa: il corrotto è espulso dallistituzione che è percepita come sacra e va salvaguardata. A parole proclamava ideali alti, ancorché fascisti; in pratica li tradiva ogni giorno in un balletto di spioni, informatori, infiltrati e traditori sempre pronti a vendere i camerati. Il Msi è stato infatti coinvolto fin dalla sua nascita nella gestione dello Stato, dentro i suoi apparati più segreti e le sue operazioni più sotterranee.

A parole erano anche antimafiosi; ma la pratica, nel Paese dei patti sotterranei e delle alleanze inconfessabili, è diversa dalla teoria. E qui arriva Salvatore Buzzi con le sue cooperative di disperati, di marginali, ex detenuti, immigrati che in unItalia che non produce nulla, in unItalia in cui le aziende muoiono, in unItalia strangolata da un sistema fiscale irrazionale. Michelangelo Aiello, era sospettato - con qualche motivo - di essere addirittura prestanome del boss Bernardo Provenzano. Solo militanza politica (o politico-militare)? Ed ecco che chi si distingue per professionalità e rettitudine in una giunta comunale viene allontanato, con maggiore o minore clamore mediatico, a seconda delle circostanze, ma se intralci i giochi sei fuori.

E allora vuol dire che ci sta un mondo, un mondo in mezzo, in cui tutti si incontrano. Mafia Capitale, la linea nera, una storia sporca. Quindi lorganizzazione mafiosa con a capo Carminati non guadagna con attività che tradizionalmente sono considerate criminali, ma con attività che invece godono di unaura di nobiltà. Senza forzature non succede niente, non cambia niente. Accade che la politica non abbia autorevolezza e idee proprie, accade che la politica venga percepita come una occasione di guadagno, un mestiere che arriva senza dover studiare, senza curriculum ed esperienza. Nessun giuramento con sangue e santino sarà stato imposto ai componenti il vasto e trasversale sodalizio criminale. Luca Odevaine è stato vice capo di Gabinetto della giunta Veltroni, poi capo della Polizia provinciale, poi capo della protezione civile con Zingaretti e infine al tavolo di Coordinamento nazionale sullaccoglienza per i richiedenti asilo. Quello che molti hanno preconizzato, ovvero che Tangentopoli fosse solo il punto di partenza di unapocalisse politica e sociale definitiva si sta avverando.

È lui, per intenderci, che prende in gestione la capitale quando muore Giovanni Paolo. In Italia è inevitabile che le emergenze diventino vere e proprie occasioni di profitto. Siamo di fronte a delinquenti che nulla hanno da invidiare ai più pubblicizzati, questo sì, colleghi siciliani. Anche la persona che sta nel sovramondo ha interesse che qualcuno del sottomondo gli faccia delle cose che non le può fare nessuno. Quindi in fondo la posizione bipartisan sembra essere questa: è inutile fingere di essere al di fuori o al di sopra. Licio Gelli era già un perno della terra di mezzo, in contatto, sopra, con i Sindona, i Calvi, i Berlusconi e, sotto, con le bande dei neri toscani e i gruppi romani in cui sincontravano eversione, servizi, malavita e mafia.

Ma la cosa più interessante è che leggendo le carte dellinchiesta si ha la sensazione che nessuno abbia reale consapevolezza del proprio status di corrotto. A parole era antimassonica; ma molti esponenti di primo piano del Msi erano in segreto iscritti alla P2: Birindelli, ex presidente del partito (tessera numero 1670 i deputati Giulio Caradonna (2192) e Sandro Saccucci, il senatore Mario Tedeschi (2127 oltre a Vito Miceli (1605). Lincrocio con gli affari, la politica e la corruzione (e anche con la mafia) è una costante di questa storia nera. Così la destra non ha esitato a trattare e collaborare con le mafie. Intanto il polo escluso (così il politologo Pietro Ignazi ha definito larea politica che ruotava attorno al Msi) era in realtà un polo occulto.

E tutto si mischia». Ma perché questo accade? Il Paese che vive nella Terra di mezzo di, roberto Saviano ( la Repubblica, sU Mafia capitale sappiamo tutto, abbiamo letto le cronache delloperazione condotta dai Ros del generale Parente e dalla Procura di Roma guidata da Giuseppe Pignatone, abbiamo. Il mondo di mezzo di Massimo Carmina-ti, milanese, detto er Cecato, ora ? una versione di certo innovativa di quel modello, ma dentro una tenace continuit? che non riescono a vedere soltanto i nostalgici di un mitico. I politicanti utilizzano e si legano a personaggi che non sono figure da poter demolire e che non vogliono cambiare il sistema e che abitano quel mondo di mezzo che Carminati, ha preso in prestito da Tolkien. Da questo meccanismo nessuno si senta escluso, le mazzette trovate nelle buste con il logo di Roma Capitale ci riguardano, perché Roma Capitale siamo noi. E questo proprio perché, per concretizzarsi il reato, non è necessario il controllo del territorio attraverso il ricorso alle bombe o alla violenza bruta. Approdano nelle file del Msi molti altissimi ufficiali: dal generale Giovanni De Lorenzo (quello del Piano Solo, 1964) allammiraglio Gino Birindelli.

Donne, uominiolenza: Parliamo: Incontri con donne a padova donne divorziate felice

Mare nostrum è stata una tragedia per tutti tranne che per Carminati e Buzzi. Altre inchieste in altre città dimostreranno che Roma non è un caso isolato. Dobbiamo scegliere, perché una terza via non esiste. Succede alla politica italiana ciò che sta accadendo alla società civile che guarda alla politica con schifo, senza riuscire a percepire le proprie responsabilità. Neppure lui si è accorto di nulla? Mafia capitale è solo linizio. A proposito di indagini, risulta che Alemanno avesse pensato di prevenire tentativi di infiltrazioni delinquenziali affidandosi alla consulenza non gratuita del prefetto Mario Mori. Certo cè un abisso tra Carminati e Provenzano, ma i «piccioli i soldi, non sottilizzano sulla portata dei boss. Proprio come i poliziotti che avvertivano Carminati delle indagini in corso. Altro che cuori neri, altro che destra dura e pura. P2 E magliana restano gli eterni modelli di una commistione che ha attraversato tutta la storia dItalia dal dopoguerra a oggi. Dallaltra parte - o dalla stessa parte anche se sembra si facciano guerra - c? una destra sempre pi? disinvolta nelloccupare posizioni per trarne vantaggio, per condizionare la democrazia, anche usando la stampa locale che si presta. Si parla chiaramente di un luogo trasversale dove ci si affida a chi sa fare le cose, chiunque egli sia. Tra i colpevoli o tra quelli che non vogliono vedere? Per loro i barconi della speranza piuttosto che emergenza umanitaria, sono diventati unenorme opportunità.

Commenti Del Lettore

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *